ciao come va Claudio Amendola

Pubblicato in Cristianesimo | Lascia un commento

Catholics vegetarian: a lifestyle

“There is nothing outside a man which going into him can defile; are the things which come out to the contamination”.

(Mc 7,15)

Catholics vegetarian: a lifestyle. In Italy there is an association that gathers the Catholics who have decided to abolish the use of meat as food.

In their site they write: “Our vegetarian choice is seen as change, is seen as a pure heart. The intention of killing a creature of God to eat comes from the heart. Changing our heart in Christ we buy back the image and likeness of God God is necessarily opposed to all violence”.

Vegetarian Italian Catholics cite many passages from the Bible to justify their choice. For example, they refer to the first account of creation in Genesis, it is priestercodex, according to the documentary hypothesis on the Bible. The writers of the past because they thought that killing animals was equivalent to transgress the primitive command of God, it says not to shed blood.

The association doesn’t want to impose that choice to all the faithful. They announce their reasons in the various dioceses after receiving permission from the Bishop.

Continua a leggere

Pubblicato in Cristianesimo, English, Monoteismo | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Cattolici e vegetariani: una scelta di vita

“non c’è nulla fuori dell’uomo che, entrando in lui, possa contaminarlo; sono invece le cose che escono dall’uomo a contaminarlo”

(Mc 7,15)

“la nostra scelta vegetariana non deve essere per desiderio di non “contaminazione” (da cadavere) ma come cambiamento, come cuore puro. Dal cuore infatti esce l’intenzione di uccidere una creatura di Dio per mangiarla. Cambiando il nostro cuore in Cristo e rendendolo in Lui puro riprendiamo l’immagine e somiglianza con Dio Amore, che -neccessariamente- aborrisce ogni violenza”.

dal sito dei Cattolici Vegetariani

Cattolici e vegetariani: una scelta di vita. Un associazione di credenti laici che in obbedienza ai vescovi delle diocesi si presenta per congiungere coloro che fanno la scelta vegana vivendola come un passo verso il Regno. Una libera scelta, non un imposizione all’orbe cattolico per questi credenti che sono arrivati, con iniziativa a umiltà, persino a interessare Avvenire, il quotidiano dei vescovi italiani, che a loro ha dedicato un articolo. Tanti sono i passi biblici che citano a loro fondamento, partendo dal principio, nel libro della Genesi un passo di tradizione sacerdotale (Gen 1,29), riporta che Dio dona all’uomo da mangiare i frutti dell’erba. Secondo la Tradition Oecoumenique de La Bible nutrirsi degli animali equivaleva a versarne il sangue, contraddicendo il primitivo comandamento divino.

Continua a leggere

Pubblicato in Cristianesimo, Italiano, Monoteismo | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Equinozio: un giorno per tanti riti

L’Equinozio di primavera, giorno in cui il giorno e la notte hanno una durata più o meno simile, circa 12 ore per ciascuno anche se il giorno prevale di qualche minuto, è semore stato presente nei riti e nelle tradizioni dei popoli e dei culti dell’uomo.

Da Wikipedia:

  • Sham El Nessim era un’antica festività egiziana le cui tracce risalgono a circa 4700 anni fa. Resta una delle feste pubbliche Egiziane, cade il lunedì e coincide con l’equinozio di primavera.

  • I calcoli per il giorno di Pasqua nella chiesa Cristiana (la prima domenica dopo la prima luna piena contemporanea o successiva all’equinozio di marzo), usa la sua definizione specifica dell’equinozio – che capita sempre il 21 marzo. Il giorno di Pasqua può capitare al più presto il 22 marzo.

  • L’equinozio di marzo segna il primo giorno dell’anno per una varietà di calendari, inclusi il calendario Iraniano, il calendario Bahá’í. Il festival Persiano (Iraniano) del Naw-Ruz viene celebrato in questo giorno. Nell’antica mitologia persiana, Jamshid, il re mitico della Persia, ascese al trono in questo giorno e ogni anno quest’evento viene commemorato con feste per due settimane. Queste feste rievocano la storia della creazione e l’antica cosmologia del popolo Iraniano e Persiano. È un giorno di festa anche per l’Azarbaijan, l’Afganistan, l’India, la Turchia, Zanzibar, l’Albania e diversi paesi dell’Asia Centrale, è festa anche per i Kurdi. È inoltre una festività Zoroastriana, è anche un giorno sacro per i seguaci della Fede Bahá’í e per i musulmani Ismaili Nizari comunemente chiamati come gli Aga Khanis.

Continua a leggere

Pubblicato in Cristianesimo, Islam, Italiano, Monoteismo, Politeismo, Religioni orientali, Sincretismo | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

2nd Sunday of Lent: Transfiguration of Jesus

Second Sunday of Lent in Catholic Church:

Holy Gospel of Jesus Christ according to Saint Matthew 17:1-9

homily by father Fabrizio Cristarella Orestano, Ruviano’s Monastic Brotherhood

Last Sunday, Jesus has shown himself to fight in our struggle, dealing with temptations. This Sunday, the transfiguration of Jesus shows us the result of our history in his love. Matthew writes that Jesus’ face “shone like the light”. That face is a promise of light for our faces. The transfiguration is’nt a triumph. The Transfiguration is a mystery of revelation. It is the revelation of the true vocation of every person.

A vocation made ​​of light that the man gets completely in Jesus Christ. Jesus Christ is the promised blessing to all nations that God announced to the patriarch Abraham. Light, blessings, beauty, all live in Jesus Christ, who has transfigured humanity. The apostate Paul says that “God dwells in inaccessible light”. Jesus has made ​​available that light.

Continua a leggere

Pubblicato in Cristianesimo, English, Monoteismo | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

II di Quaresima: la bellezza del Regno al cuore della passione

 

II domenica di Quaresima, letture secondo la liturgia della Chiesa Cattolica:

Libro della Genesi 12, 1-4

Salm0 33(32), 4-5.18-19.20.22

Seconda lettera di san Paolo apostolo a Timoteo 1, 8-10

Vangelo  secondo Matteo 17, 1-9

Omelia di padre Fabrizio Cristarella Orestano, Fraternità Monastica di Ruviano

E’ la domenica della Trasfigurazione!
Se domenica scorsa Gesù si è mostrato come Colui che lotta nella nostra lotta, come Colui che si dona la sua vittoria nelle nostre lotte, oggi Gesù ci mostra sul suo volto l’esito della nostra storia con Lui, delle nostre lotte e soprattutto dell’opera della grazia in noi; per Matteo il volto di Gesù brillò come il sole; quel volto è promessa di luce per i nostri volti; per Matteo Gesù si mostra avvolto di vesti candide come la luce; quelle vesti sono promessa per noi: saremo rivestiti di luce (cfr Is 60,1).



Se la Quaresima, come dicevamo, è tempo di radiosa tristezza, oggi la liturgia della Chiesa pone l’accento sul radiosa
La Trasfigurazione non è un momento di “trionfo” di Gesù, non è un momento in cui, stanco della kenosi (dell’abbassamento) mostra la sua divinità; il trionfo terreno è sempre stato aborrito da Gesù (e non lo avrebbe voluto neanche a beneficio consolatorio dei tre discepoli più intimi), la volontà di rinnegare la kenosi si era già rivelata come tentazione quando nel deserto satana gli aveva suggerito di mettere alla prova Dio con un gesto sovrumano come quello di volare dal pinnacolo del Tempio. La Trasfigurazione (o, come dice il testo greco, la metamorfosi) è mistero di rivelazione, è rivelazione della vocazione dell’uomo! Una vocazione di luce, di bellezza che l’uomo riceve definitivamente in Cristo Gesù! E’ Lui la benedizione promessa a tutte le genti; è Lui, figlio di Abramo e Figlio di Dio, l’adempimento di quell’antica promessa fatta ad Abramo nell’ora di quella primordiale chiamata: Vattene dalla tua terra … in te si diranno benedette tutte le famiglie della terra.

Continua a leggere

Pubblicato in Cristianesimo, Italiano, Monoteismo | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Purim: People masquerade in memory of Esther

The Jewish communities are celebrating the days of Purim. The celebration recalls the story of the Book of Esther, heroine of the tribe of Benjamin, who revealed the plot to kill the Jews, plotted by Haman, to her husband, King Ahasuerus.

Continua a leggere

Pubblicato in Ebraismo, English, Monoteismo | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Purim – in maschera si fa festa per la salvezza

Oggi e domani le comunità ebraiche sparse per il mondo festeggiano Purim. La”festa delle sorti”, che si celebra il 14 e il 15 del mese di Adar, per ricordare lo scampato eccidio dei persiani da parte del popolo ebraico, cosi come narrato nel libro di Ester, eroina della tribù Beniamino che svela al re Assuero il piano ordito da Aman, suo consigliere, per eliminare la comunità ebraica. E’ felicità da Gerusalemme a New York, da Mosca a Sidney.

Continua a leggere

Pubblicato in Ebraismo, Italiano, Monoteismo | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Mubarack directed Coptic’s massacre

The government headed by Hosni Mubarak had orchestrated the attacks on Coptic Christian community in Egypt. On 31 December 2010, the Church of Alexandria was hit by an attack and 22 people died, over 100 injured.

Continua a leggere

Pubblicato in Cristianesimo, English, Islam, Monoteismo | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Lent in the Eastern and Western churches

Great Lent is a liturgical season that unites the Christian churches in the East and West. Forty days of prayer, penance and charity to get to live the days of passion, death and resurrection of Jesus Christ.

The number 40 is very important to our Jewish brothers, authors of the Bible. The people passing 40 years in the desert after the liberation from Pharaoh. The prophet Elijah came after 40 days on Mount Horeb, where he listens to God.

Continua a leggere

Pubblicato in Cristianesimo, Ebraismo, English, Monoteismo | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento